Comitato Regionale F.I.R. Lazio

Logo CRL web                                                                     Facebook

News Comitato

Rugby oltre le sbarre: Mirko, il primo detenuto "libero" di giocare

E-mail Stampa PDF
Mercoledì 17 aprile 2019. Non una semplice data, ma un giorno storico per i Bisonti Rugby, squadra nata a Frosinone nel 2011 e aderente al progetto federale “Rugby oltre le sbarre”, creato con l’obiettivo di contribuire, attraverso l’applicazione concreta dei valori educativi del rugby, alla risocializzazione del detenuto.
 
Mirko BisontiIn questa data, l’atleta Mirko - detenuto della Casa Circondariale di Rebibbia a Roma - oltre al consueto allenamento mattutino del mercoledì, sul campetto polveroso del G9, ha sostenuto un allenamento esterno, insieme alla squadra, presso il campo da gioco dei Bisonti Rugby, a Tor Bella Monaca. Libero dalle 19 alle 23.
 
Questo momento, storico per il club e per tutto il movimento rugbistico italiano, è stato raggiunto grazie al corretto comportamento quotidiano del detenuto (recluso da 11 anni, con ancora 2 da scontare) e al costante lavoro dei Bisonti Rugby in sinergia con la Direzione della Casa Circondariale di Rebibbia.
 
Attraverso un adattamento dell’Articolo 21 dell’Ordinamento Penitenziario - in cui viene dichiarato che i detenuti e gli internati possono essere assegnati al lavoro all’esterno in condizioni idonee a garantire l’attuazione positiva degli scopi previsti dall’articolo 15 dello stesso ordinamento (lavoro dei detenuti) - la Direzione ha concesso a Mirko la possibilità di allenarsi esternamente una volta alla settimana , dalle 19 alle 23, sotto la responsabilità dei Bisonti Rugby.
"È un risultato importantissimo per il progetto Bisonti. Il nostro obiettivo principale è proprio quello dell'inclusione e del reinserimento attraverso lo sport. Un ringraziamento particolare va alla Direzione per la fiducia e naturalmente a Mirko per l'impegno e la passione" ha affermato Germana de Angelis, Presidentessa dei Bisonti.  
 
Grazie al Progetto “Rugby oltre le sbarre”, il gioco del rugby è proposto e praticato da Società tutor o singoli allenatori, con il coordinamento di FIR, all’interno di circa 18 Istituti di Pena sul territorio nazionale con l’obiettivo di contribuire alla risocializzazione del detenuto, attraverso l’applicazione concreta dei valori educativi del rugby: il rispetto delle regole, dell’avversario, dell’arbitro, il sostegno del compagno.
 
I risultati delle esperienze dimostrano indubbi effetti benefici sul consolidamento dei rapporti umani all’interno del Carcere, attraverso una nuova percezione dell’altro, offrendo anche una nuova rete che può risultare preziosa in vista del loro reinserimento nella società civile.
 
 
 
Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2019 09:51

Test Match Universitario: Lazio v Francia - 15 marzo - Roma

E-mail Stampa PDF

In vista del Test Match in oggetto, programmato per oggi, venerdì 15 marzo 2019, presso il Campo Unione, lo staff tecnico ha diramato l'elenco degli atleti convocati all’incontro che si svolgerà secondo il programma allegato.

Allegati:
Scarica questo file (19PR62.pdf)19PR62.pdf520 Kb

Test Match Universitario: Lazio v Francia

E-mail Stampa PDF
In occasione dell’ultima giornata del Guinness Sei Nazioni, che vedrà l’Italia sfidare la Francia sabato 16 marzo allo Stadio Olimpico di Roma, il Comitato Regionale Lazio, in collaborazione con il CUS Roma, ha organizzato un Test Match tra la Rappresentativa Universitaria del Lazio e la Rappresentativa Universitaria Francese in tour a Roma per seguire la Nazionale maggiore.
 
Il Test Match, che si terrà venerdì 15 marzo alle ore 18:30 presso il Campo Unione, in via Flaminia 867 a Roma, vedrà il coinvolgimento di una selezione di atleti-studenti universitari. In vista del match, lo Staff Tecnico Regionale ha programmato il 6 e 13 marzo, due allenamenti di preparazione che si svolgeranno sempre presso il Campo Unione.
 
La scuola e lo sport sono strumenti fondamentali per la formazione e la trasmissione di valori importanti tra cui rispetto, disciplina e sostegno, di cui il rugby in particolare è da sempre testimone”, sottolinea Antonio Luisi, Presidente del Comitato Regionale Lazio. “La possibilità di organizzare un Test Match tra rappresentative universitarie, oltre alla valenza agonistica, offre la giusta occasione per un confronto culturale e sportivo e la conferma di come la pratica del rugby si adatti in modo particolare allo sport Universitario, per cui l’impegno ed il supporto alla sua diffusione deve essere massimo.” 
 
Locandina 1
 

Nasce il Progetto Regionale “Unirsi ad una squadra vincente”, la piattaforma commerciale per sostenere lo sviluppo di rugby nel Lazio

E-mail Stampa PDF
La Federazione Italiana Rugby e il Comitato Regionale Lazio sono lienti di presentare il Progetto Regionale “Unirsi ad una squadra vincente” che pone come obiettivo primario la creazione di una piattaforma commerciale che sostenga lo Sviluppo del Rugby nel Lazio adottando un approccio comune, coinvolgendo tutte le parti interessate, a cominciare dai Club.
 
Giovedì 21 febbraio 2019 alle ore 18:30 presso la Sala Giunta Del Palazzo CONIPiazza Lauro de Bosis 15 - Roma, Antonio Luisi, Presidente del CRL, presenterà ai club laziali il progetto. Interverranno Daniele Pacini, Responsabile Rugby di Base della FIR, Bruno Formicola, Responsabile Sviluppo Regionale CRL e David Lind, Responsabile Sviluppo Commerciale CRL.
 
Agenda:
18:30 – 19:00: Antonio LUISI e Daniele PACINI – Introduzione/Collegamento con la strategia FIR. Le tendenze di partecipazione nel Rugby in Italia
19:00 – 19:30: Bruno FORMICOLA – l'andamento dei praticanti nel Lazio. Come aumentare la partecipazione nel Lazio
19:30 – 20:00: David LIND – Condividere la visione, gli obiettivi e le sfide del progetto
20:00 – 20:30: Dibattito 

A Rebibbia il torneo di Rugby al Tocco organizzato da Bisonti, Lega Italiana Touch Rugby e FIR

E-mail Stampa PDF

Sabato 26 gennaio 2019 i Bisonti Rugby ospiteranno a Rebibbia un torneo molto speciale: dalle ore 10.00 gli amici della Lega Italiana Touch Rugby, con il supporto di una rappresentativa di Club Laziali, si affronteranno insieme ai detenuti nella prima tappa - di una mini serie di eventi Rugby per Tutti - ospitata nel penitenziario romano. Attualmente i Bisonti a Rebibbia sono un gruppo di trenta detenuti che si allenano da oltre un anno nel campo del carcere insieme al tecnico Stefano Scarsella tutti i mercoledì mattina con regole ufficiali del Rugby al Tocco .

Sarà un’occasione importante per vivere un’esperienza unica nell’ambito del progetto promosso dalla Federazione Italiana Rugby, dall'associazione Gruppo Idee e dalla casa circondariale di Roma, che ha come obiettivo quello di promuovere la funzione riabilitativa dello sport in carcere, come strumento di recupero e reinserimento sociale dei detenuti. Il “Progetto Carceri”, uno dei cardini dell’impegno della Federugby in ambito sociale, vede sempre più Club collegati a case circondariali e già altri istituti di detenzione hanno introdotto il rugby come attività ricreativa e di recupero.

Il torneo di sabato 26 gennaio è un momento importante di trattamento rieducativo e di crescita personale per le persone detenute, per re-integrarsi nella società civile, acquisire o ritrovare l’abitudine al rispetto delle regole e dell’avversario.

L'iniziativa si inserisce all'interno del progetto "Ovale oltre le sbarre", il protocollo di intesa tra la FIR e il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria firmato lo scorso anno al CONI dal Capo Dipartimento, Santi Consolo, e dal Presidente della Federazione Italiana RugbyAlfredo Gavazzi, alla presenza del Presidente Giovanni Malagò
Ultimo aggiornamento Lunedì 21 Gennaio 2019 15:59

Pagina 10 di 23

Contatti


PALAZZO DEL CONI
Largo L. De Bosis, 15
00194 Roma

Tel 06 3241943
Tel 06 3244578
Fax 06 3232611

Email: crlazio@federugby.it